logo

header

HOME   ::  CHI SIAMO   ::  DOVE SIAMO   ::  NEWS   ::  CONVEGNO NAZIONALE   ::  SOLIDARIETÀ
PREMIO LETTERARIO   ::  BEATIFICAZIONE   ::  GADGET BEATA MARIA CRISTINA   :: 

BEATIFICAZIONE

Microstoria

Causa di Beatificazione e Canonizzazione


Articolo estratto dalla rivista HORDEIROS DO PORVIR (Anno XX – n. 36)


Scarica l'articolo in formato pdf





RITO DI BEATIFICAZIONE
Sabato 25 gennaio 2014
Basilica di Santa Chiara - Napoli


Sabato 25 gennaio 2014, nella Basilica di Santa Chiara in Napoli, è stato celebrato il rito di Beatificazione di Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie.

assemblea

I Convegni di Cultura attendevano da anni la realizzazione di questo sogno, da quando nel 2004, quale parte attrice, avevano chiesto la riapertura della Causa di Beatificazione. La Basilica, gremita di socie, di familiari della Beata appartenenti ad ambedue le casate reali, di illustri ospiti e di molti devoti provenienti da varie regioni d’Italia, splendeva nella sua semplicità francescana, adornata con un delicato addobbo floreale di rose e gigli bianchi, come pure bianco era il libretto della celebrazione eucaristica.

Nel silenzio generale, una solenne processione dava inizio alla concelebrazione liturgica, presieduta da Sua Eminenza Reverendissima il Cardinale Crescenzio Sepe.

Al termine dell’atto penitenziale, l’arcivescovo metropolita di Napoli si è rivolto al rappresentante del Santo Padre, Sua Eminenza Reverendissima Cardinal Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi e ha chiesto che si procedesse alla Beatificazione della Venerabile Serva di Dio Maria Cristina di Savoia, pronunciando una petizione:

Eminenza Reverendissima, l’Arcidiocesi di Napoli
e l’Associazione Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia
hanno umilmente chiesto al Santo Padre Francesco
la Venerabile Serva di Dio Maria Cristina di Savoia,
di voler iscrivere nel numero dei Beati
Regina del Regno delle Due Sicilie.

Il Rappresentante del Santo Padre ha dato lettura della Lettera Apostolica con la quale il Sommo Pontefice aveva accolto questo desiderio e concesso che

d’ora in poi sia chiamata Beata
e che si possa celebrare la sua festa
nei luoghi e secondo le regole stabilite dal diritto
ogni anno il 31 gennaio
giorno della sua nascita al cielo.

stendardo

Alla proclamazione da parte di Sua Eminenza il Cardinale Amato è stato svelato lo stendardo con l’immagine della “Reginella”. Una grande commozione ha pervaso tutta l’Assemblea. Molti erano i presenti che non hanno potuto trattenere le lacrime.

Il rito è continuato con una processione verso la cappella dove è custodito il corpo della giovane regina. La famiglia era rappresentata dalle LL. AA. RR. i principi Casimiro di Borbone e Maria Cristina di Savoia Aosta che recavano i ceri, per i Convegni seguiva la Presidente Nazionale Stefania Rolla Pensa, che ha deposto un bouquet di fiori sull’altare. Chiudevano il corteo i cardinali concelebranti, Amato, Sepe e Martino, che hanno incensato ed onorato le spoglie mortali della Beata. L’offertorio ha visto la partecipazione di Domenica Fabozzi, Paola Murador, Eleonora Chiavetta, esponenti del Consiglio di Presidenza dei Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia.

Al termine di questa solenne celebrazione, numerosissime persone hanno sostato in preghiera davanti al sepolcro della nuova Beata. È grazie ai Convegni di Cultura Maria Cristina, ai loro sforzi, alla loro fede incrollabile, all’impegno continuo e costante, alla loro caparbietà nel continuare la difficile strada che ha portato alla conclusione dell’iter di Beatificazione, che a questa giovane donna è stata riconosciuta una santità che questa giovane donna è stata riconosciuta una santità che può essere raggiunta da tutti, grandi e piccoli, ricchi e povere, uomini e donne, sacerdoti e laici, perché l’essenziale della santità consiste nell’amare Dio e il prossimo con tutte le proprie forze.




Giardino Tomba


RITO DI BEATIFICAZIONE
Sabato 25 gennaio 2014
Basilica di Santa Chiara - Napoli




Sabato 25 gennaio 2014 alle ore 11.00, S. Eminenza il Cardinale Angelo Amato,
prefetto della Congregazione dei Santi con il rito di Beatificazione,
proclamerà Beata la venerabile Serva di Dio Maria Cristina di Savoia.
La Liturgia Eucaristica sarà presieduta da S. Eminenza il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli.
I riti si svolgeranno nella Basilica di Santa Chiara dei Frati Minori,
in cui riposano le spoglie mortali della prossima Beata.
La Basilica e il Convento sorgono a Napoli, città che l’ha vista giungere giovane sposa, regina e madre di un figlio vissuto nel ricordo della Reginella Santa.
La Chiesa potrà venerare tra i suoi Beati anche la figura di questa donna che nel quotidiano, anche se di Regina, ha saputo mantenersi coerente con la propria Fede, nella costante attenzione verso gli ultimi, le donne e le giovani.

Sala

Il Rito sarà seguito da un momento di amicizia nell’antico refettorio del Complesso Monumentale a cui parteciperanno Autorità Religiose, Civili, Ospiti, ma soprattutto “Cristine” perché a loro, con il sostegno costante di Preghiere e con l’appoggio concreto delle loro forze, si deve la conclusione dell’iter di questa Causa e la realizzazione di quella che sarà una giornata indimenticabile, fortemente perseguita, voluta e sognata dai Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia.




COMUNICATO

Maria Cristina di Savoia

I Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia,
promotori della riapertura della causa di Beatificazione
di Maria Cristina di Savoia,

annunciano con gioia che
giovedì 2 maggio 2013,
il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza privata Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Angelo Amato, s.d.b.,
Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.
Il Sommo Pontefice ha autorizzato la Congregazione
a promulgare il decreto riguardante
un miracolo attribuito all'intercessione della
Venerabile Serva di Dio Maria Cristina di Savoia,
Regina delle Due Sicilie,

nata il 14 novembre 1812 a Cagliari e morta il 31 gennaio 1836 a Napoli.

La Regina delle Due Sicilie che si appresta a essere proclamata Beata, ha dedicato la sua brevissima vita all'esercizio della pietà cristiana e della carità verso i poveri e ci dimostra che la vocazione alla santità può essere raggiunta anche nella "normalità" della vita quotidiana, purché ci si lasci guidare dal soffio dello Spirito Santo.